Reportage/1: Salone del Libro di Torino 2019

locandina.jpg

E’ da qualche anno ormai che mi aggiro più o meno in incognito al Salone del Libro, incontro gente, vedo presentazioni e compro libri. Quest’anno l’organizzazione del Salone mi ha addirittura premiato con lo status di Blogger, quindi mi sento in obbligo di scrivere un veloce resoconto.

Sono stato poco, più o meno 6 ore, e come al solito ho visto meno cose e salutato meno gente di quanto avrei voluto. Diciamo che questo articolo serve per colmare alcune delle mie mancanze, e dare un contributo a promuovere le cose che mi sono piaciute di più.

Iniziamo subito con quanto di strettamente correlato a Luigi Bernardi. Per la prima volta in tanti anni erano presenti ben tre libri a sua firma. Se la presenza de “L’Intruso” (http://www.deaplanetalibri.it/libri/lintruso) presso lo stand DeaPlaneta non è stata una sorpresa, non ci aspettavamo di trovare uno stand indipendente per l’editore sardo Il Maestrale, in più con in vendita qualche copia di “Crepe” (http://www.edizionimaestrale.com/IT/Products/224/Crepe).

Ancora maggiore è stata la sorpresa, presso lo stand di Eleuthera, di vedere una copia di “Destinazione Utopia” (http://www.luigibernardi.com/libri/destinazione-utopia-28.html), raccolta di tre racconti uscita nel lontano 1989, scritti a sei mani da Luigi Bernardi, Luca Boschi e Graziano Frediani, dedicati a tre personaggi storici del fumetto italiano come Corto Maltese, Mister NO e Ken Parker.

D6TJKi5XkAA448_
“Destinazione Utopia” di Luigi Bernardi, Luca Boschi e Graziano Frediani. Uscito nel 1989, curiosamente ancora disponibile presso lo stand Eleuthera

Venendo all’eredità editoriale di Luigi Bernardi, abbiamo presenziato con grande piacere alla presentazione dell’ultimo libro di Alessandro Zannoni, “Stato di famiglia” (http://www.arkadiaeditore.it/stato-di-famiglia/), edito da Arkadia editore e primo volume della collana SideKar, che, dai recenti annunci, riunirà prossimamente tanti altri autori passati dalla scuderia di Bernardi durante la sua esperienza in Perdisa. Alessandro ha condiviso la presentazione con un altro amico e sodale di Bernardi, Stefano Domenichini, recentemente uscito con “Storia ragionata della sartoria americana nel secondo dopoguerra (e altre storie)” (http://www.autori-riuniti.it/shop/storia-ragionata-della-sartoria-americana-nel-secondo-dopoguerra-e-altre-storie/) per Autori Riuniti.

Venendo ora ad altre uscite che mi hanno interessato, cito sicuramente “Ragione da vendere” (https://rizzoli.rizzolilibri.it/libri/ragione-da-vendere/) l’ultima opera di Enrico Pandiani, nuova puntata delle avventure del commissario Pierre Mordenti e dei suoi Italiens. Il libro di Enrico arricchisce ulteriormente la collana Nero Rizzoli, nella quale nel 2020 vedremo la ristampa di “Atlante Freddo” di Luigi Bernardi.

D6R0D53WsAEix91
Tutti i libri pubblicati ad oggi nella collana NeroRizzoli

Sempre nell’ambito del noir torinese, non mi sono fatto scappare “Il delitto ha le gambe corte” (https://www.einaudi.it/catalogo-libri/narrativa-italiana/narrativa-italiana-contemporanea/il-delitto-ha-le-gambe-corte-christian-frascella) il secondo libro delle avventure del detective Contrera, di Christian Frascella. Il primo mi era piaciuto molto e ho voluto dare fiducia a questo secondo, nonostante la copertina di Riccardo Falcinelli: per quanto era stata bella quella del primo volume, questa mi ha convinto veramente poco.

In chiusura, anche qualche consiglio internazionale: sono un grande appassionato dei romanzi della collana Frontiere di Mattioli1885, piena di proposte poco note di autori nordamericani del secondo dopoguerra. E da questa collana vi consiglio caldamente tutti (ma proprio tutti) i libri di André Dubus, maestro della short story al livello di Carver. A Torino ho invece acquistato “Margine di Fuoco” di John Smolens (https://mattioli1885.com/libro/margine-di-fuoco/) di cui si dice un gran bene. In più, a sorpresa, l’autore era presente allo stand e disponibile per quattro chiacchiere.

Ultima segnalazione per il mio autore preferito, Dave Eggers. Feltrinelli ha appena ristampato la sua opera prima “Opera struggente di un formidabile genio” nella collana Universale Economica (https://www.lafeltrinelli.it/libri/dave-eggers/opera-struggente-un-formidabile-genio/2000000035130): non è il mio preferito di Eggers, ma è comunque un gran bel libro, e la nuova edizione è impreziosita dalla copertina illustrata dalla bravissima Bianca Bagnarelli.

Buona lettura!

Marco Bernardi

 

Marco Bernardi è un chimico industriale esperto in tecnologie e processi eco-sostenibili. Incidentalmente, per passione e tradizione famigliare, è anche appassionato lettore di romanzi e fumetti.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...